Robinia


Acero Campestre

Castagno

Farnia


Ontano






Acero campestre

Acero Campestre: questo nome gli deriva forse dal suo impiego come sostegno della vite coltivata a filari nei campi, tanto che si parlava di "vite maritata all'Acero". Le specie di Acero, spontanee o coltivate, sono numerosissime, ma nel nostro bosco essenzialmente presente l'Acero campestre. Le specie si distinguono fra loro per la foglia e per la forma dei frutti.
I frutti dell'Acero hanno un aspetto particolare: sono formati da due semi saldati tra loro ed hanno lateralmente due lunghe ali che li fanno ruotare velocemente, come le pale di un elicottero, quando si staccano dalla pianta.
L'aspetto, l'inclinazione, l'armatura di queste ali valgono a distinguere un Acero dall'altro, proprio come gli stessi elementi servono a distinguere i diversi modelli di aerei.
I semi dell'Acero possono disperdersi anche a grande distanza dalla pianta madre, sfruttando il vento.
Gli Aceri trovano un largo impiego nel campo delle piante ornamentali. Il legno di Acero ricercato e viene molto usato, per il suo colore chiaro e per le belle venature, nella fabbricazione di mobili, strumenti musicali sia a fiato che ad arco, pipe e calci di fucili.
Antonio Stradivari fu il primo ad utilizzare legno d'acero nella costruzione dei suoi leggendari violini.
Le foglie sono ricche di elementi nutritivi e possono servire per l'alimentazione del bestiame.

Torna su

bosco