on è facile parlare delle origini di Carpignano perché è quasi impossibile trovare documenti archeologici o scritti che si riferiscono al luogo che noi conosciamo.
Gli storici antichi ci dicono che questa zona era la patria dei Celti, arrivati dal centro Europa fra il VI e il IV secolo a.C..
La civiltà romana entrò con fatica nelle città celtiche. Ancora in pieno Impero Romano sono diffusi, nella nostra zona, culti di origine celtica.
Il territorio di Carpignano, prima dei Celti, era abitato da altre popolazioni che non hanno lasciato documenti scritti e di cui gli storici romani non hanno parlato.
Noi sappiamo, però, che antichi popoli hanno qui vissuto perché sono stati ritrovati reperti archeologici.
Il museo novarese conserva bellissimi oggetti rinvenuti tra il 1873 e il 1880 in zona San Michele.
A Sant'Eusebio sono state ritrovate dalle monete romane riferibili al periodo che va dal II al IV secolo.
Anche il nome del nostro paese, Carpignano, anticamente Calpiniano e prima ancora Calpinianum, come mostrano alcuni documenti del X secolo, secondo gli studi ha chiare origini romane. La desinenza "- anum" sembra toglierne ogni dubbio.
Alcuni storici pensano che il toponimo "Calpignanum" possa avere origine dal nome di persona Calpinius e ancora prima da Calpius oppure dal nome personale Calvinius (o Calvenius) come mostra inciso un sarcofago che si trova al Museo Lapidario della Canonica di Novara.
Un'altra ipotesi lega il nome del nostro paese a quello della nobile famiglia romana chiamata "gens Calpurnia". Si sono trovate le loro tracce a Vercelli,Trino Vercellese, Milano .
Sul nostro territorio comunque, sino ad ora, non si sono trovate prove della loro presenza. E' probabile che questa famiglia fosse proprietaria di una delle "domus rusticanae" (fattorie) presenti sul nostro territorio.