ORGANIZZAZIONE

 

RISORSE DISPONIBILI

 

 

ATTIVITA' OPZIONALI

Nel rispetto della Legge n. 53/03 di Riforma dei cicli dell'Istruzione, tutte le classi incui i genitori hanno scelto di avvalersi per i propri figli delle tre ore settimanali di attività opzionali, organizzano le attività che si riassumono di seguito, articolate in orari diversi a seconda delle classi:

- classi 1^ : Laboratorio di attività logico-statistica, logico-matematica-scientifica, linguistica-espressiva-creativa
- classi 2^ : Laboratorio di educazione alla creatività, all'espressione corporea, all'espressione grafico-pittorica, alla lettura attiva ed espressiva, alla convivenza democratica
- classi 3^ : Laboratorio di educazione alla lettura, di attività logico-tecnologiche-matematiche, di attività multidisciplinari
- classi 4^ : Laboratorio di educazione ambientale, all'espressione grafico-pittorica, alla lettura, di giochi linguistici, di giochi logico-matematici, di scienze, di attività multidisciplinari
- classi 5^ : Laboratorio di lettura, di ricerca d'ambiente, di avviamento all'acquisizione a un metodo di studio, di educazione alimentare, di geografia e di storia

 

IMPEGNO RICHIESTO A CASA

Per condolidare le abilità acquisite verranno assegnati, se ritenuto necessario, esercitazioni scritte:

A partire dal 2° Ciclo verrà richiesto lo studio individuale secondo la scansione settimanale delle discipline.

 

ARTICOLAZIONE DELLE ATTIVITA' SPECIFICHE DEGLI INSEGNANTI

La realizzazione del Piano è articolata nelle seguenti attività, affidate a docenti con funzioni strumentali al POF, a collaboratori, a commissioni di lavoro ed a referenti per settori specifici.

I compiti relativi alla prevenzione e sicurezza sono affidati ad una Commissione prevenzione e sicurezza costituita da 9 insegnanti e dalla Responsabile per la Sicurezza sul Posto di Lavoro.

I compiti relativi alla prevenzione e gestione del disagio sono affidati a 1 insegnante funzione obiettivo, coadiuvata da una Commissione prevenzione e gestione del disagio, costituita da 7 insegnanti.

Il raccordo necessario per garantire la continuità educativa è affidato a 1 insegnante funzione obiettivo, e ad una Commissione continuità, costituita da 10 insegnanti.

I compiti relativi alla accoglienza ed integrazione degli alunni stranieri sono affidati a 1 insegnante funzione obiettivo, coadiuvata da una Commissione alunni stanieri, costituita da 9 insegnanti.

I compiti relativi allo sviluppo delle nuove tecnologie didattiche sono affidati ad 1 insegnante funzione obiettivo, coadiuvata da una Commissione nuove tecnologie didattiche, costituita da 6 insegnanti.

I compiti relativi all'adeguamento ed aggiornamento del POF e di predisposizione e verifica dei progetti sono affidati ad una Commissione, costituita da 6 insegnanti.

La revisione curricolare attraverso la definizione dei piani di studio per la scuola primaria in tutte le discipline è compito di tutti i team docenti.
In particolare, compiti di approfondimento, relativamente all'area antropologica, sono affidati a 4 insegnanti.

I compiti relativi ad iniziative e ricerche nell'ambito della storia contemporanea sono affidati ad una Commissione, costituita da 5 insegnanti.

I compiti relativi alla gestione e cura dell'archivio delle esperienze didattiche e dei sussidi sono affidati ad una Commissione, costituita da 7 insegnanti.

I compiti relativi alla formazione ed aggiornamento sono affidati ad una Commissione, costituita da 2 insegnanti.

I compiti relativi allo svilupo e potenziamento delle lingue straniere sono affidati ad una Commissione, costituita da 2 insegnanti.

I compiti relativi all'Educazione alla salute ed alla pari opportunità sono affidati ad 1 insegnante referente.

I compiti relativi all'Educazione ambientale sono affidati a 1 insegnante referente.

I compiti relativi all'Educazione stradale sono affidati a 1 insegnante referente.

I compiti relativi all'Educazione alimentare sono affidati a 2 insegnanti referenti.

I compiti relativi all'Educazione motoria e sportiva sono afidati a 2 insegnanti referenti.

L'assistenza ai docenti in anno di prova è affidata a 8 docenti tutor.

 

IL CALENDARIO ANNUALE

La periodizzazione è quadrimestrale.
Il fattore TEMPO è gestito come risorsa e con flessibilità. L'orario settimanale o plurisettimenale risulta:

Il coordinamento disciplinare è assicurato dagli incontri settimanali di programmazione e verifia. In tale ambito, un ruolo rilevante è svolto dalla commissione continuità e dal suo schema progettuale.

Momenti di "individualizzazione" dell'insegnamento sono posti in atto durante:

 

MODALITA' E TEMPI DI VERIFICA DEL PRESENTE PIANO

Il presente piano, suscettibile di apliamenti e arricchimenti che dovessero rendersi necessari, nell'ambito della sua realizzazione, sarà sottoposto a verifica ad ogni fine anno scolastico del Collegio dei Docenti e dal Consiglio di Circolo, sulla base di apposite rilevazioni preliminari.