Lavate g 100 di uvetta sultanina quindi mettetela ad ammorbidire nell'acqua tiepida per non più di un quarto d'ora. Passate al setaccio g 500 di castagne, affinché non rimangano grumi, quindi versatela in una ciotola nella quale aggiungerete anche mezzo cucchiaino di sale. Lavorando con una piccola frusta, stemperate la farina con tanta acqua tiepida quanta sarà necessaria per ottenere una pastella molto morbida. Ungete con un filino d'olio una tortiera dai bordi bassi e versatevi la pastella, poi spolverizzatela con un filo d'olio una tortiera dai bordi bassi e versatevi la pastella spolverizzatela con una cucchiaiata di semi di finocchio, g 50 di pinoli e l'uvetta scolata e ben asciugata. Irrorate la superficie del castagnaccio con un poco d'olio di oliva quindi passate la preparazione nel forno già riscaldato a 190, tenendovela finché sulla superficie si sarà formata una crosticina. Il castagnaccio si serve tagliato a fette piuttosto spesse ed è ottimo da gustare sia caldo che freddo. In Toscana, è tradizione accompagnarlo con ricotta freschissima.