Argiope Fasciata

Luigi XIV, il re Sole, pare amasse moltissimo i ragni a tal punto da portare un gilet tessuto con filo di seta prodotto da questi Artropodi. In lontani paesi vengono persino mangiati. L'industria utilizza le loro emissioni sericee per la costruzione di reticoli da impiegarsi negli strumenti ottici. Molti anni, fa nelle campagne piemontesi la loro "bava" veniva applicata sulle ferite, come antiemorragico, o ingerita come narcotino e antipiretico, pare con discreti risultati. I rapporti dell' uomo con i ragni, nella maggior parte dei casi non sono dei migliori. Forse sulla base dei racconti di vecchi esploratori, o per colpa di films d'avventura, o soprattutto, per un antico timore, questi Artropodi sono visti come esseri pericolosissimi, quasi come i serpenti piu' velenosi. I ragni sono animali preziosi per l'uomo.
In particolare i ragni tessitori di tele sono i maggiori nemici degli insetti dannosi alle culture, che uccidono senza l'impiego di mezzi chimici, contribuendo cosi' al mantenimento degli equilibri naturali.
Le loro tele sono opere d'ingegneria veramente eccezionali e assai diversificate. Essi lavorano notte e giorno e provvedono ad eliminare, nel corso della loro vita parecchie centinaia di insetti.

Torna su
bosco