Robinia


Acero Campestre

Castagno

Farnia


Ontano






Castagno

Il Castagno è uno degli alberi più tipici del paesaggio alpino piemontese, ed è la pianta più amata dalle popolazioni montanare per l'importanza che, con i suoi prodotti, ha rappresentato per la loro vita.
E' una pianta originaria dell'Europa meridionale ed era già ampiamente aprezzata dai Romani antichi che chiamavano i frutti col nome di" Ghiande di Giove".
Il Castagno può raggiungere dimensioni imponenti, soprattutto negli esemplari isolati ed è piuttosto longevo, potendo superare i cinque secoli di vita.
Uno degli alberi più antichi esistenti in Italia è proprio la celebre pianta di Castagno, detta dei 100 cavalli, esistente sull'Etna, la cui età supera probabilmente i 1000 anni e nel cui tronco cavo una intera famiglia aveva ricavato il proprio alloggio.
Il tronco ha corteccia grigio-scura, liscia quando la pianta è giovane, profondamente fessurata e rugosa quando l'albero invecchia.
Il Castagno ha la caratteristica di fiorire abbastanza tardi, quando le foglie si sono già aperte da un pezzo.
Il frutto è formato da un involucro esterno rivestito di aculei, detto riccio, nel cui interno sono racchiuse 2-3 lucenti castagne.
Tra le oltre 300 varietà di castagne coltivate, vanno ricordati i celebri " marroni " dal grosso e prelibato frutto, usati anche in pasticceria.
Tra le popolazioni di molte zone delle nostre montagne, il Castagno ha rappresentato per molto tempo la principale fonte di alimento: le castagne fresche, secche, ridotte a farina, erano veramente la base del cibo quotidiano. Da esse si estraeva altresì lo zucchero e l'alcool, mentre dai tronchi si ricavavano i materiali per la costruzione di case, mobili, e perfino piatti, cucchiai e forchette.
Le foglie del Castagno che cadono in autunno vengono raccolte ancora oggi per formare la lettiera del bestiame, al posto della paglia che invece si usa in pianura.
I funghi che crescono in associazione con le radici del Castagno, rappresentano una produzione indiretta di quest'albero.
Oggi il Castagno non occupa forse più quel posto così importante nella vita dell'uomo, ma ancora offre produzioni di estremo interesse: oltre al frutto ed al legno, è infatti la pianta maggiormente usata per l'estrazione del tannino, sostanza insostituibile nell'industria conciaria.

Torna su

bosco