Scoiattolo

Ghiro

Riccio

Mini Lepre
americana
Faina




Tra i mammiferi vi è un abile predatore che non disdegna vivere a sretto contatto con l'uomo nei villaggi rurali e talvolta anche nelle città. E' la Faina (Martes foina), un mustelide privo di specializzazione e quindi in grado di adattarsi alle più svariate situazioni dimostrando una ecletticità superiore alla volpe stessa. La grande adattabilità della faina soprattutto ai luoghi antropizzati, costituisce come una marcia in più rispetto agli altri carnivori. Le dimensioni della faina sono all'incirca quelle di un gatto, ma possiede zampe corte e coda folta, collo lungo, orecchie basse e tonde, occhi di colore nero. Elegante per forma ed abito, la faina lo è soprattutto nei movimenti. Anche nell'incontro più fugace colpisce subito per la sua scioltezza ed agilità. Essa procede sempre a balzi generalmente piccoli e veloci con i piedi paralleli, mentre il tronco flessuoso segue questo andamento. Di fronte ad una situazione imprevista o per sporgere dall'erba alta, la faina interrompe la sua corsa ed assume la posizione eretta con le zampe anteriori penzoloni. L'alimentazione della faina varia in base all'habitat ed alla stagione. Pur essendo un abile predatore non disdegna i più svariati tipi di frutta domestica o selvatica; gli animali morti integrano la sua dieta. L'attività predatoria vera e propria della faina è rivolta ad una vasta gamma di vertebrati, ma le prede più tipiche sono i roditori: arvicole, topi selvatici e ghiri in ambienti naturali; ratti e topi domestici negli ambienti antropizzati. Occasionalmente aggredisce uccelli nel sonno, come colombi in vecchi edifici o storni sui grandi alberi-dormitorio. A questi si aggiungono, nella bella stagione, le uova e i nidiacei che riesce a localizzare.

Ben conosciuta per l'abitudine di razziare i pollai, l'elegante predona si è attirata l'odio più accanito tra la gente di campagna. I modi con cui viene combattuta sono generalmente tanto cruenti quanto inadeguati ed illegali. In molti casi basterebbe aggiungere un paio di oche agli animali da cortile per scoraggiare la più accanita saccheggiatrice. Oltralpe la faina è ritenuta un pericolo non tanto per il pollame quanto per le automobili! Pare infatti che vi siano esemplari invogliati a rosicchiare le parti morbide delle vetture e molte faine di centri abitati vengono trappolate e portate lontano dai guardiacaccia per evitare tali inconvenienti. Gli antichi romani invece addomesticavano le faine tenendole nelle case e nei cortili come valido aiuto nella lotta ai roditori. Pochi sono i nemici naturali realmente temuti dalla faina. Dov'è presente, il più temibile è il gufo reale. Le faine di zone montane, che al mattino tardano a rintanare, sono facile preda dell'aquila reale, come testimoniato dai frequenti resti trovati nei nidi. Il nemico principale è naturalmente l'uomo non tanto l'agricoltore, timoroso per il suo pollaio quanto l' automobilista che, nella sua indifferente corsa, trovolge un numero sproporzionato di animali tra cui numerose faine.

Torna su
bosco