Dal "CORRIERE DELLA SERA"
del 25 settembre 1900.

Emigrare.

"I postali che giungono dall'America, portano da qualche tempo notizie sempre pił tristi sulle difficoltą che incontrano contadini e operai italiani recatesi lą in cerca di lavoro. La febbre gialla, che ha infierito quest'anno pił del consueto, ha fatto grandi stragi fra i nostri emigranti, specialmente fra coloro che si trovavano ancora in viaggio. L'ultima lettera desolata porta la data del 1o settembre. Viene da Vera Cruz nel Messico e descrive le misere condizioni in cui versano gli Italiani arrivati in quella cittą. I malcapitati operai, privi di lavoro, sono costretti a mendicare per le vie.
Il firmatario della lettera afferma che dei mille lavoratori trasportati coi piroscafi "Gottardo" e "Sud-America", trecento sono morti; gli altri sono malati e nella impossibilitą di rimpatriare per mancanza di mezzi."



La foto mostra le condizioni di estrema miseria in cui vivevano alcuni immigrati italiani in America.




ritorna

home