SULLA POVERTA' DEI CONTADINI DELLA PIANURA PADANA.

La situazione di povertÓ dei contadini della pianura padana emerge chiaramente nei rapporti dei comuni in provincia di Mantova di fine '800, contenuti in A. Sacchi, La pellagra nella provincia di Mantova, Milano, Edizioni del Gallo, 1967.

Nel rapporto del comune di Quingentole leggiamo:
"L'alimentazione del bracciante Ŕ minestra, vino e pane una volta alla settimana nelle stagioni di lavoro; in tutti gli altri giorni, polenta alla mattina, a mezzogiorno ed alla sera con cipolle o formaggio cattivo e non sempre; carne quasi mai. Fanno tre pasti, due o anche uno soltanto al giorno secondo le stagioni ed il lavoro".



Sulla tavola dell'Italia contadina la carne era una raritÓ.



ritorna

home