Emigranti di Lucania in"CRISTO SI E' FERMATO A EBOLI"di Carlo Levi.



Carlo Levi, un giovane medico torinese, scrisse a Firenze, tra il 1943 e il 1945, il libro "Cristo si è fermato a Eboli", in cui rivive alcuni anni della sua vita trascorsi al confino a Gagliano, in Lucania. Intorno al 1935, in questo paese le case dei contadini sono tutte uguali, fatte di una sola stanza, che serve da cucina, da camera da letto e quasi sempre anche da stalla per le piccole bestie. Lo spazio è diviso in tre strati: per terra gli animali, sul letto gli uomini e in aria, in una culla appesa al soffitto, i neonati. In tutte le case sono appese le immagini dei loro protettori: uno è la Madonna di Viggiano e l'altro è il presidente americano Roosevelt, al potere negli Stati Uniti dal 1901 al 1908.
Per le genti di Lucania Roma non è nulla. Non Roma o Napoli, ma New York sarebbe la vera capitale.




Emigranti italiani a New York.



Il fotografo americano LEWIS HINE (1847-1940) ha ritratto "emigrati a New York". Il cartellone de "La traviata" di Verdi fa capire che si tratta di immigrati italiani.

L'America ha per i contadini una doppia natura. E' una terra dove si va a lavorare, dove si suda e si fatica, dove il poco denaro è risparmiato con mille stenti e privazioni, dove qualche volta si muore e nessuno più ci ricorda, ma nello stesso tempo, e senza contraddizione, è il paradiso…" I contadini vanno in America e molti vi si fermano e i loro figli diventano americani, invece altri ritornano e restano quello che erano. "Fanno il viaggio verso l'Italia col proposito di restarci poco, di riposarsi e salutare i parenti, ma qualcuno offre loro una piccola terra da comprare, e trovano una ragazza che conoscevano bambina e la sposano, e così passano i sei mesi dopo i quali scade il loro permesso di ritorno laggiù, e devono rimanere in patria

"La terra comprata è carissima, hanno dovuto pagarla con tutti i risparmi di tanti anni di lavoro americano, e non è che argilla e sassi, e bisogna pagare le tasse, e il raccolto non vale le spese, e nascono i figli, e la moglie è malata, e in pochissimo tempo è tornata la miseria, la stessa eterna miseria di quando, tanti anni prima, si era partiti". Gagliano è piena di emigranti ritornati, spesso ricaduti nella situazione di povertà in cui erano prima della loro partenza per il paradiso americano.




ritorna

home

naviga